Le cure inalatorie delle patologie respiratorie

RIASSUNTO

Le acque curative delle Terme d’Italia sono da sempre un valido presidio in tema di terapia delle patologie delle vie respiratorie.

scarica PDF

AUTORI

  • R. Del Monaco

PAROLE CHIAVE

  • Cure inalatorie
  • Patologie respiratorie
  • Terapie termali

”Articolo”

Le acque curative delle Terme d’Italia sono da sempre un valido presidio in tema di terapia delle patologie delle vie respiratorie.
Particelle piccolissime di acqua, per alcune cure anche solo particelle di gas sulfureo, attraverso appositi apparecchi, raggiungono l’apparato respiratorio, apportando a orecchio, naso, gola, bronchi, polmoni, i benefici delle caratteristiche acque delle Terme.
Le cure inalatorie hanno un effetto terapeutico e preventivo, favorendo una maggior difesa dell’organismo dagli attacchi esterni e dalle malattie da raffreddamento.

Il numero delle malattie respiratorie è, negli anni più recenti, aumentato considerevolmente, anche in seguito a peggiorate situazioni ambientali, l’inquinamento, e a consolidate abitudini voluttuarie, il fumo di sigaretta.

È un dato epidemiologico certo che le infezioni acute delle vie respiratorie rappresentano la più frequente causa di patologia infettiva dell’uomo e la principale causa di prescrizione di antibiotici; allo stesso tempo l’infiammazione cronica delle mucose delle prime vie aeree impedisce la corretta funzionalità, dell’apparato respiratorio e otorinolaringoiatrico, che, a sua volta, favorisce le riacutizzazioni infettive.

Nelle patologie respiratorie, le cure inalatorie con acque curative delle Terme d’Italia sono estremamente benefiche e riconosciute dal Ministero della Salute. Il successo che è possibile conseguire con la crenoterapia inalatoria è strettamente legato sia alla corretta individuazione delle forme morbose da trattare, sia alla precisa indicazione della metodica da applicare.

Anche la possibilità di usufruire di strumentazioni in grado di frammentare finemente l’acqua curativa, consente di ottenere le aspettative terapeutiche, permettendo di nebulizzare l’acqua in particelle di dimensioni precise e di utilizzarla, così, nel trattamento e nella prevenzione delle varie patologie di orecchio, naso, gola e bronchi che condividono l’aria che respiriamo.

Le terapie termali inalatorie sono tradizionalmente utilizzate ed apprezzate nella risoluzione dei disturbi delle vie respiratorie superiori ed inferiori grazie alla loro azione antisettica, con riduzione della componente microbiologica non fisiologica, per la stimolazione dell’apparato muco-ciliare con conseguente miglioramento della clearance, per la fluidificazione e normalizzazione delle caratteristiche del muco respiratorio.

Le varie tecniche inalatorie consentono di immettere nel sistema orecchio-naso-gola, bronchi e bronchioli, i principi farmacologicamente attivi delle acque curative. Le cure inalatorie possono essere erogate in modo differente, a seconda della modalità di trattamento delle differenti affezioni. Le principali modalità di somministrazione sono l’inalazione, l’aerosol, irrigazioni nasali, docce nasali micronizzate. A queste possiamo aggiungere le insufflazioni endotimpaniche, il politzer crenoterapico, la ventilazione polmonare.

Tutte queste metodiche crenoterapiche utilizzano la mucosa respiratoria come via di somministrazione dell’acqua curativa. Le acque maggiormante utilizzate sono le acque sulfuree, le carboniche-bicarbonato-alcalino-terrose, le solfate, le bromo-jodiche; sono acque che contengono i principi farmacologicamente attivi e adeguati ad ottenere gli effetti terapeutici desiderati, soprattutto quello antinfiammatorio, di regolazione della clearance muco-ciliare e di efficace stimolo delle fisiologiche difese locali

Copyright © 2013   |   Società Editrice Universo s.r.l. | ISSN: 2283-298X | Privacy Policy | Informativa Cookies

Via G.B.Morgagni, 1 - 00161 Roma

tel (06)4402054/3, fax (06) 4402033

!Count per Day

  • 30187Totale visitatori: